fbpx
domenica , 20 Settembre 2020
Wealth and poverty. Angry boss capitalist, flat Earth, turtle and bags of money. Old school tattoo vector collection. Hamster wheel, mortgages, loans, taxes. Hard life. Traditional tattooing style

Occorre ridiscutere il capitalismo ed elaborare un nuovo modello economico

Il 25 aprile è uscito su Il Fatto Quotidiano un articolo dove Mauro Del Corno critica la MMT (Modern Monetary Theory) con una delle accuse più banali di sempre: queste politiche portano al nazismo. Per farla breve, l’autore (dopo aver sottolineato che questa è la teoria economica portata avanti da Bernie Sanders e Alexandria Ocasio-Cortez) sostiene che l’ascesa del nazismo fu causata proprio da una politica monetaria “allegra”.
Subito dopo l’autore decide di spezzare una lancia in favore dei “cavalieri della MMT” (così li chiama): in questo momento una scelta come quella di stampare moneta non sarebbe un problema, a patto che questa sia solo per questo periodo dato che una banca centrale dovrebbe emettere denaro come una medicina: “più si usano farmaci più difficile diventa smettere”.
Questo un breve sunto dell’articolo che vi incollo qui sotto nei commenti.

Posto che la MMT non sostiene di stampare moneta a caso, il problema è che l’autore non racconta tutta la storia. In Germania, dopo la crisi del ’29, venne eletto cancelliere un conservatore cattolico del partito Zentrum: Heinrich Bruning. Questo cancelliere impose restrizioni al credito bancario e abbassò i salari avviando quella che oggi definiamo una politica di austerity.
Nel giro di poco tempo queste scelte produssero una spaventosa contrazione dell’economia tedesca e la disoccupazione schizzò fino al 25%.
Questo produsse sfiducia nella classe politica e, in generale, nel parlamentarismo.
Bruning cade nel maggio del ’32 e nel giro di 6 mesi cambiarono ben 2 governi fino ad arrivare a gennaio del ’33 quando viene eletto Adolf Hitler.

In poche parole è avvenuto esattamente il contrario di quanto descritto nell’articolo, giusto per puntualizzare.

Il problema di oggi tuttavia rimane. La crisi del COVID-19 ha dimostrato e dimostra ogni giorno come l’attuale sistema economico non funzioni e si traduca nello smantellamento di tutti i servizi, tipo quello sanitario. È sbagliato dunque in un momento come questo provare a immaginare un sistema differente?
È sbagliato mettere in discussione un modello economico che ha mostrato tutta la propria rigidità?
Sarebbe bello che i giornali come Il Fatto Quotidiano ma anche come la RepubblicaCorriere della SeraLa StampaIl Sole 24 ORE dessero spazio a un dibattito sempre più acceso al livello globale invece che continuare a sostenere ossessivamente lo stesso modello che ci sta portando sempre di più verso il disastro economico e sociale.

Anche perché, per riprendere la metafora della medicina, la banca centrale non può essere un medico, ma dovrebbe essere il braccio che, su ordine del cervello, si muove e permette di usare le mani.
E, giusto per essere chiari, il cervello è lo Stato e la mano deve essere tutt’altro che invisibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
Facebook
Instagram