fbpx
giovedì , 19 Maggio 2022

Persone non manodopera

L’altro giorno a Omnibus, Teresa Bellanova parlava della necessità di far arrivare più immigrati perché – cito testualmente – “ci sono aziende che chiamano e dicono ‘date vita ai flussi regolari di manodopera perché noi non troviamo persone per raccogliere i prodotti [nei campi].’ “

Già il fatto che si parli di flusso di “manodopera” e non di persone a me fa venire la pelle d’oca.
La cosa che mi diverte è che queste parole siano uscite da una ministra dell’agricoltura che viene dalla CGIL Confederazione Generale Italiana del Lavoro e che fino a qualche settimana fa veniva spacciata come se fosse Di Vittorio.
A questi imprenditori bisognerebbe dire che forse il motivo per cui non trovano manodopera è perché le condizioni che impongono sono disumane e sperano che l’immigrato si lamenti un po’ meno dell’italiano che, grazie a dio, ormai dà per scontati certi diritti.

Ecco che si svela come dietro all’accoglienza e alla solidarietà da parte di alcune persone spesso si nasconda solo l’interesse economico e la voglia di sfruttare altri.
Appare sempre più chiaro che le differenze tra gli uomini non vengono dal colore della pelle, ma dalla collocazione nei rapporti di produzione. A Matteo Salvini, che parla della questione immigrazione dal punto di vista “etnico e culturale”, la sinistra non può rispondere “no, volemose tutti bene” come in una pubblicità della Benetton, ma che il mondo era e resta diviso tra sfruttatori e sfruttati e che la maggior parte dei cittadini si trova tra i secondi.
Ma chi comanda sta dalla parte dei primi e questi vogliono convincere gli sfruttati italiani che se la loro vita fa schifo la colpa è di altri sfruttati che vengono da fuori. Una guerra tra ultimi e penultimi dove i primi si arricchiscono e ci dicono di volerci bene mentre ci mettono gli uni contro gli altri.

Il prossimo weekend con Reds – rete dei democratici e socialisti, vogliamo provare a ribadire il concetto che o la sinistra riporta gli sfruttati a fare battaglia in prima persona o, come negli ultimi 30 anni, continuerà – piaccia o non piaccia – a fare gli interessi degli sfruttatori.

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
Facebook
Instagram