fbpx
giovedì , 19 Maggio 2022

A Cesare quel che è di Cesare

Dire che il risultato in Umbria è eredità di Matteo Renzi è un insulto all’intelligenza. Soprattutto quando molti dei “renziani” sono stati ricandidati perché adesso sono “zingarettiani”.
Dire che non ha una valenza nazionale è un insulto all’intelligenza. Ce l’ha anche solo psicologicamente, soprattutto dopo che i ministri sono andati lì al completo per fare la campagna elettorale.
Dire che si è perso per via degli scandali è un’insulto all’intelligenza. Soprattutto perché i protagonisti di quegli scandali e quelli che li hanno sostenuti sono stati confermati e riconfermati con tutte le amministrazioni e dirigenze, con tutte le correnti, con tutti i Segretari del PD.
Dire che la colpa è dei cittadini che si sono fatti “fregare” dalla campagna di Matteo Salvini è un insulto all’intelligenza. Soprattuto perché in una regione dove non funzionano i trasporti, dove la sanità ha subito una contrazione, dove la ricostruzione post terremoto ancora non c’è, non basta blaterare di futuro e di speranza per chiedere la fiducia ancora una volta.

Oltre a tutto questo c’è lo smantellamento del sistema economico che permetteva a queste regioni di funzionare. Un sistema economico dove le regioni in autonomia potevano investire, potenziare assetti industriali, garantire i servizi e un welfare regionale, dare lavoro e che oggi, invece, si trovano castrate dai vincoli di bilancio che hanno ammazzato tutto e tutti. Questa è una questione che non riguarda solo la sfera economica, ma il concetto stesso di sovranità di un popolo che si è visto depauperato del frutto del proprio lavoro e delle tasse versate. Lo smantellamento di quel sistema mette seriamente in pericolo anche le elezioni nelle altre regioni “rosse”.

Ma c’è un particolare che bene simboleggia la miopia del Partito Democratico.
In una delle regioni con più agriturismi d’Italia, si è scelto di candidare il presidente di federalberghi, cercando poi di chiudere accordi con tutti i “potentati” umbri, dalla chiesa a confindustria ai sindacati. Se veramente pensavano che avrebbe funzionato, allora c’è dell’idiozia.
Se hai governato per 70 anni e poi prendi questa scoppola le dimissioni di alcune persone non bastano: dovrebbero andarsi a nascondere.
Oppure volete dirci che anche a questo giro il popolo non ha capito perché composto da analfabeti funzionali?

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
Facebook
Instagram